meteo apuane
ALLERTA METEO
* * * * * *
legenda allerta meteo
Clicca sulle icone per accedere
al dettaglio della Regione Toscana


BACHECA AVVISI
L'ingresso di aria più fredda in quota rinnova condizioni di instabilità con rovesci accompagnati da forti venti di Libeccio e mareggiata lungo il litorale. Ritorno anche di un po' di neve su Apuane ed Appennino oltre i 1300 metri. Nel fine settimana si conferma un deciso miglioramento; instabile dal 1° maggio.

WEBCAM
webcam SARZANA
SARZANA
Visualizza le altre Webcam >>

NOWCASTING
Radar Precipitazioni "Settepani"
RADAR PRECIPITAZIONI

satellite europa
SATELLITE INFRAROSSO

fulminazioni Toscana
FULMINAZIONI

COLLABORAZIONI TECNICHE

Protezione Civile Massa Carrara

Cesvot

Meteo System

Società Meteorologica Italiana

BOLLETTINO DELLA MONTAGNA
Previsioni a 3 giorni per le principali località sciistiche e montane delle Apuane ed Appennino settentrionale
27-04-17
meteo zum zeri
28-04-17
meteo zum zeri
29-04-17
meteo zum zeri
Zero Termico: 2300 m   |   Altezza Neve: 0 cm
27-04-17
meteo cerreto
28-04-17
meteo cerreto
29-04-17
meteo cerreto
Zero Termico: 2300 m   |   Altezza Neve: 0 cm
27-04-17
meteo campocecina
28-04-17
meteo campocecina
29-04-17
meteo campocecina
Zero Termico: 2300 m   |   Altezza Neve: 0 cm
27-04-17
meteo pratospilla
28-04-17
meteo pratospilla
29-04-17
meteo pratospilla
Zero Termico: 2400 m   |   Altezza Neve: 0 cm

Alle ore 1:23 del 26 aprile 1986, presso la Centrale Nucleare di V.I. Lenin, in Ucraina Settentrionale (allora URSS) avvenne il disastro di Chernobyl. Nel corso di un test definito ''di sicurezza'' sul reattore n° 4, si verificò un brusco ed incontrollato aumento della potenza e della temperatura con rottura delle tubazioni del sistema di raffreddamento del reattore. Ne conseguì una potente esplosione con la fuoriuscita di una enorme nube radioattiva che raggiunse nei giorni successivi dapprima la Scandinavia e gran parte degli Stati Europei orientali, per il prevalere di correnti fra Ovest e Sud-Ovest; dal 29/30 aprile, la rotazione dei venti a Nord-Est, portò la nube ad invadere anche la Germania, Francia, Svizzera, Austria e Italia, specie le regioni del Nord. Le nostre zone videro anche delle piogge con conseguente discesa al suolo delle particelle radioattive. Ricordo bene i tecnici che misuravano livelli di radioattività assai superiori alla norma. Furono 65 nella zona di Chernobyl i morti accertati e 4000 i casi di tumore alla tiroide fra quelli che avevano da 0 a 18 anni ai tempi del disastro. Questo secondo il rapporto ufficiale dell'ONU, ma secondo altre stime, ed estendendo agli stati vicini la casistica delle patologie riguardanti l'apparato endocrino e del midollo osseo, si arriva a numeri molto superiori, dell'ordine delle centinaia di migliaia... Per non dimenticare, e soprattutto per tenere sempre a mente come non esistono luoghi lontani e luoghi vicini...men che meno per il grande fiume d'aria che avvolge il nostro pianeta, trasportando a migliaia di chilometri di distanza tutto quel che trova...

La perturbazione che ci sta interessando sta provocando le piogge previste. Nella giornata di giovedì 27 avremo l'ingresso più deciso della saccatura depressionaria ad essa collegata, quindi sono attese ancora nubi e rovesci di pioggia talora consistenti, accompagnati da qualche temporale. Venti dapprima moderati, poi in deciso rinforzo da Libeccio sino a divenire forti o molto forti in serata sia sull'Appennino che sulle Apuane. Temperature mediamente fra 4°C e 6°C a 1500 metri tendenti a calare. Nella notte su venerdì 28 inizierà ad entrare aria più fredda in quota (fra -24°C e -26°C a 5400 metri) e fra la mattinata ed il primo pomeriggio di venerdì arriveranno anche isoterme fra -28°C e -29°C proprio in corrispondenza delle nostre zone. Ne conseguirà un tempo molto instabile, pur in un contesto di estrema variabilità, con alternanza di brevi schiarite e improvvisi annuvolamenti cumuliformi accompagnati da rovesci di pioggia, colpi di tuono, grandine e/o graupel e persino fiocconi di neve mediamente oltre 1300/1400 metri (zero termico previsto in calo a 1500 metri). Non mancheranno anche raffiche di vento freddo, in progressiva rotazione da Sud-Ovest a Nord-Ovest. Con l'ingresso dei venti dal quadrante settentrionale arriveranno ampi rasserenamenti dal tardo pomeriggio o al più tardi in serata. Sabato 29 sarà una splendida giornata di sole a parte nubi di passaggio da Nord a Sud. Freddo al primo mattino con brinate e locali gelate anche nei fondovalle riparati dal vento. Pare che il tempo soleggiato possa caratterizzare anche domenica 30, pur fra qualche nuvola in più. Ad oggi (mercoledì 26), pare invece confermato un moderato peggioramento entro lunedì 1° maggio, segnatamente dal pomeriggio, per l'ingresso di una nuova perturbazione Nord-Atlantica. Speriamo di no, ma dai modelli si nota una brutta tendenza dell'Anticiclone delle Azzorre ad andare ad Ovest e a salire verso il Nord dell'Europa, e questo solitamente è segno di tempi quanto meno incerti sulle nostre regioni. Il prossimo aggiornamento del bollettino montagna ci sarà entro la sera del 1° maggio.


Aggiornamento del 26 aprile 2017 a cura di Mauro Olivieri
(aggiornamento 3 volte la settimana)




>> Accedi alla raccolta delle NEVICATE (archivio dal 2006)

meteo apuane
Portale di meteorologia per la provincia di Massa Carrara.
Associazione locale per la divulgazione delle
scienze meteorologiche e del clima.

CONTATTI
NOTE LEGALI
HOME
Home Page
PREVISIONI
Provincia
Bollettino "3 Confini"
Mare
Montagna
Meteo-Viabilità
Incendi Boschivi
MONITORAGGIO
Rete Stazioni
Livello Fiumi
Archivio Dati
Area Riservata Enti
WEBCAM
Webcam
DIRETTA
Segnalazioni
Nowcasting
DIDATTICA
Clima Locale
Articoli/Cronache
Nevicate
Foto
CHI SIAMO
L'Associazione
Iniziative
Staff
Partner
Contattaci